• Federcarrozzieri

Si fa presto a dire “fermo tecnico”



Quali sono i danni risarcibili secondo la Cassazione: dal mancato utilizzo al noleggio di veicoli sostitutivi.

Di Angelo Massimo Perrini

Pubblicato su Professione Carrozziere

Spieghiamo nel dettaglio quali sono i danni risarcibili secondo la Cassazione, dal mancato utilizzo al noleggio di veicoli sostitutivi

Alle volte la divulgazione giuridica incontra qualche difficoltà, come avvenuto in tema di fermo tecnico, per quelle che all’osservatore possono sembrare apparenti oscillazioni negli orientamenti della Cassazione.

E’ noto che nell’ambito della responsabilità civile da circolazione stradale, verificatosi un sinistro il proprietario del mezzo danneggiato dal sinistro, oltre al danno al mezzo, patisce un ulteriore danno non potendo utilizzare il mezzo durante il tempo occorso per le riparazioni. Tale periodo per prassi, ma si tratta di questione oramai matura per una sua revisione, viene fatto coincidere con quello strettamente necessario per provvedere alle riparazioni, con esclusione dunque del periodo di attesa di eventuali ricambi.

Fermo tecnico: la definizione della Cassazione.

Innanzitutto la definizione di fermo tecnico: la Cassazione, terza civile, nella sua sentenza 1688 del 27/01/2010 così definisce tale voce di danno: “… Con riferimento poi al cosiddetto danno da fermo tecnico subito dal proprietario dell’autovettura danneggiata a causa della impossibilità di utilizzarla durante il tempo necessario alla sua riparazione, è stato affermato che è possibile la liquidazione equitativa di detto danno anche in assenza di prova specifica in ordine al medesimo, rilevando a tal fine la sola circostanza che il danneggiato sia stato privato del veicolo per un certo tempo, anche a prescindere dall’uso effettivo a cui esso era destinato. L’autoveicolo è, difatti, anche durante la sosta forzata, fonte di spesa (tassa di circolazione, premio di assicurazione) comunque sopportata dal proprietario, ed è altresì soggetta a un naturale deprezzamento di valore, del veicolo (Cass. 9 novembre 2006, n. 23916)…”.

La prova del fermo resta una semplice presunzione. No a prove “diaboliche”.

La definizione del fermo tecnico, come pure la sua risarcibilità, è dunque in giurisprudenza un dato costante, mentre quello che, talvolta è mutato è qualità della prova richiesta per la liquidazione di questa voce di danno.

In particolare con la sentenza 17135/2011, molto nota per essere stata reiteratamente opposta dalle imprese di assicurazione ai danneggiati, la Cassazione affrontando il tema del cosiddetto danno da fermo tecnico, aveva solo apparentemente negato la risarcibilità di tale voce di danno. In realtà la Cassazione in punto di principio si era limitata a confermare una sentenza che, del tutto correttamente, aveva rigettato tale richiesta sulla base di una assoluta mancanza di ogni genere di prova o comunque di parametro per provvedere alla sua liquidazione e difatti secondo la Cassazione “il c.d. danno da fermo tecnico non può considerarsi sussistente in re ipsa, per il solo fatto che un veicolo sia stato inutilizzato dal proprietario per un certo lasso di tempo” ma, al contrario, “come ogni danno, anche quello da fermo tecnico deve essere provato”.

Per essere chiari: il giudice deve comunque quantomeno sapere per quanti giorni il mezzo è rimasto fermo e quante ore sono necessarie per ripararlo, dopo di che può anche provvedere in via equitativa a determinare tale voce di danno.

Tale indicazione è solo in apparente contrasto con quanto stabilito dalla Terza Sezione della Corte di Cassazione, per la quale “il c.d. danno da fermo tecnico (…) può essere liquidato in via equitativa, indipendentemente da una prova specifica in ordine al danno subito” (Cass. Civ., Sez. III, n. 18883/2007).

In realtà, tra le due decisioni non c’è contrasto dal momento che allorquando la cassazione ritiene il danno da fermo tecnico risarcibile “indipendentemente da una prova specifica” in via equitativa si riferisce alle sole “spese di gestione del veicolo” quali tassa di possesso, rc auto e quant’altro oltre che al “naturale deprezzamento di valore” che si verifica nel periodo di sosta forzata del veicolo, vale a dire a importi irrisori che nella prassi vengono liquidati in una media di 50 euro al giorno.

Invece nella sentenza 17135/2011 della II Sez. civile, avente ad oggetto una controversia tra una officina accusata di avere trattenuto ingiustificatamente a lungo un veicolo, quelle richieste erano voci di danno ulteriori e di più consistente importo, poiché l’automobilista asseriva, a questo punto senza averne dato la prova, che l’impossibilità di utilizzazione del mezzo aveva portato danni consistenti nella impossibilità di svolgere la propria attività lavorativa oltre che di fare ricorso a un mezzo sostitutivo. E’ evidente che per questi tipi di danno una prova debba comunque essere fornita.

La prova dei danni ulteriori

Secondo la II Sez. civile, nel caso dunque di danni ulteriori rispetto al semplice fermo tecnico, la prova che il danneggiato che intende ottenere il risarcimento deve fornire è quella “della inutilizzabilità del veicolo in relazione ai giorni in cui esso è stato illegittimamente sottratto alla disponibilità”, quanto quella “della necessità del proprietario di servirsi del mezzo, cosicché, dalla impossibilità della sua utilizzazione, egli abbia riportato un danno”.

Per ottenere il fermo tecnico “semplice” non occorre la “prova della necessità” del mezzo.

Fin dalla risalente Cass. III sez. civile n 12908 del 13.07.2004 è dunque assodato che “il danno da fermo tecnico in seguito ad un sinistro può essere liquidato in via equitativa, indipendentemente da una prova specifica, in difetto di elementi di prova contraria”. In buona sostanza la Cassazione chiarisce come il diritto al risarcimento deriva dal fatto che il veicolo viene sottratto alla disponibilità del proprietario per un certo tempo, a prescindere dall’uso effettivo a cui esso era destinato, essendo noto che l’auto, anche durante la sosta, è fonte di spese che vanno perdute per il proprietario (tassa di circolazione, premio assicurativo ecc.).

La Cassazione anche con questa decisione ha abbandonato l’orientamento giurisprudenziale secondo il quale il danneggiato deve provare non solo, e pare di poter dire ovviamente, l’inutilizzabilità del mezzo meccanico nei giorni in cui, per le riparazioni, ne viene sottratta la disponibilità, ma deve anche fornire la più complessa prova della “necessità” di utilizzare il mezzo nello stesso periodo di tempo.

Tale orientamento appare ora consolidato: la sentenza 17963 del 2012 della III civile della Cassazione)al fine di liquidare “il danno subito dal proprietario dell’autovettura danneggiata a causa dell’impossibilità di utilizzarla durante il tempo necessario alla sua riparazione (…) anche in assenza di prova specifica” rileva “la sola circostanza che il proprietario sia stato privato del veicolo per un certo tempo, anche a prescindere dall’uso effettivo a cui esso era destinato“.

In buona sostanza per i giudici della Corte, il danno da fermo tecnico (bollo e assicurazione non godurta, deprezzamento del mezzo) può essere comunque risarcito sol che si provi che il mezzo è rimasto fermo a seguito di incidente per le riparazioni.

Un consiglio pratico: noleggi e fermo tecnico dopo la sentenza 52 /2012 della Cassazione.

È noto che alcune imprese di assicurazione frappongono ostacoli alla liquidazione del noleggio di mezzi sostitutivi. Alla stregua dell’orientamento della cassazione è forse opportuno che il riparatore integri le proprie cessioni di credito facendo in modo che nelle stesse sia compreso anche il fermo tecnico, di modo che sia possibile per il legale richiedere il ristoro del nolo utilizzando i principi statuiti dalla sentenza 52 del 2012 della Cassazione secondo la quale “il credito da risarcimento in particolare del c.d. danno da fermo tecnico, consistente nel ristoro del mancato godimento (disponibilità) dell’autovettura incidentata per il tempo occorrente per la relativa riparazione, solitamente commisurato al costo del noleggio di veicolo sostitutivo, deve ritenersi senz’altro suscettibile di cessione”.

Ovviamente qualora il credito relativo al noleggio sia stato ceduto dal danneggiato a società di noleggio il riparatore , a pena di evidenti problemi, non potrà farsi cedere a sua volta tale diritto.

Avv. Angelo Massimo Perrini

Pubblicato su Professione Carrozziere

Autorizzazione alla divulgazione concessa.

#AvvAngeloMassimoPerrini #fermotecnico #professionecarrozziere

L'Autocarrozzeria Marangon fa parte della  rete di Carrozzerie indipendenti

dell'Associazione

CHIAMA

Tel. 011 9573566 

E-MAIL
ORARI DI APERTURA

lun-ven 08:00/12:00 - 14:00/19:00

POTETE  TROVARCI ANCHE SU:
  • Facebook Social Icon

Autocarrozzeria Marangon sas di Marangon Marco e Marangon Moreno 

Via Acqui,77 - 10098 Rivoli (TO) - P.IVA 05168860012 - REA n.689446

  • Facebook Social Icon
  • YouTube Social  Icon