• Federcarrozzieri

La stima dei danni e i tempari: il futuro dei carrozzieri passa da qui

Torino 28 marzo 2014 Palazzo di Giustizia

Fate un piccolo passo indietro nel tempo assieme a noi, e tornate a venerdì 28 marzo 2014, in quel di Torino (Palazzo di Giustizia). Dove si è svolto il convegno dal titolo “La stima dei danni materiali in Rc auto e il ruolo del CTU tra i diversi tempari e costi aziendali”, organizzato dall’ Organismo unitario dell’avvocatura italiana (OUA) e dall’Unione avvocati responsabilità civile assicurativa (Unarca).


Il cuore della questione era la determinazione del danno ai veicoli: la stima dei tempi necessari alla riparazione e la determinazione dei costi aziendali. È pure qui che si gioca, infatti, il futuro dei carrozzieri: tutto verte attorni ai tempari, quelle tabelle che le Assicurazioni o altri enti vogliono imporre ai carrozzieri, costringendoli a lavorare a ritmi indiavolati. A discapito della qualità della riparazione.

I tempari determinano  i tempi di riparazione o sostituzione dei componenti di carrozzeria, riferiti a centinaia di modelli (con rispettivi disegni esplosi). L’aggiornamento costante consente di disporre di un incremento annuo di più di un tot modelli. Questi sistemi di gestione dei processi di determinazione del danno, finalizzati alla liquidazione dei sinistri, sono in uso presso carrozzerie  studi peritali, Assicurazioni, ed hanno la pretesa di ottimizzare i processi aziendali. Qualcuno ora intende usarli surrettiziamente per far calare i costi a carico delle Compagnie.

La cronaca della giornata.

Danilo Siri, responsabile informatico Uesse, tempificazioni veicoli, ha illustrato la metodologia per la determinazione dei tempi di riparazione degli autoveicoli. La denuncia di Siri è che ci troviamo di fronte a tempari vecchi: non c’è stato un ricalcolo dei tempi analitici. Questo è molto penalizzante per il riparatore, che si trova costretto a eseguire il lavoro sulla base di critervi vecchissimi. Infatti, i nuovi tempari che le Assicurazioni vogliono propinare ai carrozzieri si basano sostanzialmente su operazioni di ripristino di veicoli nuovi, come desunto dalle informazioni della Casa madre. E non certo su lavori relativi a pezzi di ricambio su mezzi incidentati, ben più difficili da riparare.

Angelo Massimo Perrini, segretario commissione Rc OUA, ha parlato della deriva indennitaria del risarcimento del danno in Rc auto. Deve esserci il risarcimento integrale del danno, e non è ammissibile un indennizzo parziale. La natura extracontrattuale del danno in Rc auto rende infatti inammissibile ogni limitazione contrattuale al risarcimento. L’automobilista ha diritto sempre al risarcimento totale, senza franchigie. Quindi, l’articolo 8 del decreto Destinazione Italia (stralciato) e il disegno legge Zanonato che copia quell’articolo 8, prevedendo la limitazione del risarcimento, non hanno senso giuridico, dal momento che la polizza per la Rc auto garantisce la responsabilità civile, ed è regolata dal Codice civile.

Si tratta in sostanza di polizza che copre obbligatoriamente il proprietario di un veicolo per le conseguenze dannose che il mezzo può arrecare a terzi in occasione della circolazione e non per i danni diretti, Quindi non si può limitare contrattualmente il risarcimento.

Con Antonio Ardito, CTU (Consulente tecnica d’ufficio) presso il Tribunale di Torino, è stato introdotto il tema: “La CTU tecnica estimativa in Rc auto e la determinazione dei tempi e dei costi aziendali”. Il consulente tecnico d’ufficio svolge il ruolo di ausiliario del giudice in un rapporto fiduciario col magistrato, qualora si renda necessaria una particolare conoscenza tecnica, per il compimento di singoli atti o per tutto il processo. Tale perizia è disciplinata dal Codice di procedura civile, e nel quesito al quale l’ausiliario deve rispondere sono contenute le risposte che devono essere date al giudice. La determinazione del costo orario della manodopera non rientra tra i compiti dell’ausiliario, che si limita a verificare se il costo orario esposto dal riparatore è congruo con i prezzi praticati su piazza, la cui determinazione perviene anche dalle indicazioni delle organizzazioni artigiane depositate in ca,era di comemrcio.

È intervenuto anche Fabrizio Cera, Coordinatore Ufficio Giudice di Pace di Pinerolo (“La determinazione del danno risarcibile”) e Maurizio Curti, commissione scientifica COA (Consiglio ordine avvocati) di Torino (“La posizione dell’assicuratore debitore”).

Infine, ha concluso , Davide Galli, presidente di Federcarrozzieri che ha illustrato le modalità di “ determinazione dei tempi e dei costi aziendali”. Le Assicurazioni sono i debitori, peraltro qualificati e specializzati a pagare con  strutture specialistiche col compito specifico di liquidare i danni. Non va bene che il debitore stabilisca e quantifichi il proprio debito. Eppure la questione dei tempari assicurativi è tutta qui: i debitori vogliono fissare l’importo da risarcire imponendo i propri tempari, e diffondendoli tramite i periti. Da una parte, ci sono i carrozzieri convenzionati (fiduciari) che ottengono una forte canalizzazione e una forte pubblicità dalle Compagnie a fronte di uno sconto tariffario e a fronte dell’utilizzo dei tempari dettati dall’assicuratore. Dall’altra, c’è il carrozziere indipendente che, lavorando nel libero mercato e dovendosi difendere dalla canalizzazione e dai continui “furti” di clientela, è libero di scegliere il metodo di calcolo e la tariffa di manodopera (depositata in camera di commercio) per generare la fattura di riparazione.

Dopo gli interventi dei relatori, in replica, l’Aicis (Associazione italiana consulenti infortunistica stradale), nelle persona del vicepresidente Andrea Olivieri, ha ribadito che la contrarietà dei periti assicurativi all’utilizzo acritico di software o tempari come Siva o Perizia light o altro ancora. A nome di Aicis è stato pure evidenziato che molti dei periti iscritti a tale associazione fanno spesso corsi di aggiornamento sulle nuove tecniche riparative e sui nuovi materiali delle vetture.

LOCANDINA DELL’EVENTO





 “RC Auto – Piu Concorrenza Più Diritti – Verso una riforma della RC Auto”.

I punti della carta di Bologna diventeranno una proposta di legge che sarà presentata a Roma il prossimo 9 aprile nell’Auletta dei Gruppi Parlamentari, il luogo più prestigioso e ampio per far percepire ai parlamentari la nostra presenza. Sarà un giorno memorabile dove la nostra protesta diventerà una proposta, dove la nostra partecipazione attiva sarà il segno del nostro interesse a proseguire uniti per una seria riforma della RC Auto.

Partecipare è indispensabile, mobilitarsi un obbligo morale. Saremo proprio a Montecitorio, nella casa di chi fa le leggi.

Di seguito il programma provvisorio e il form di registrazione che dovrà essere scrupolosamente compilato per agevolare le procedure di registrazione che saranno gestite dal personale della Camera previa presentazione di un documento di identità.

Registratevi in questo Form

CONVEGNO – “Piu Concorrenza Più Diritti – Verso una riforma della RC Auto”.

mercoledi 9 aprile dalle 10 alle 13.

Auletta dei Gruppi parlamentari Via di Campo Marzio 74 Roma

9:30 – 10:00 Registrazione

A seguire fino alle 13

Rappresentanti delle Associazioni Promotrici Prof.ssa Giuseppa Cassaniti Mastrojeni – Presidente AIFVS Associazione Familiari Vittime della Strada Dott. Furio Truzzi – Presidente Assoutenti Dott. Stefano Mannacio – Presidente CUPSIT Comitato Unitario Patrocinatori Stragiudiziali Italiani Davide Galli – Presidente Federcarrozzieri Avv. Massimo Perrini – Responsabile scientifico UNARCA Avv. Marco Bona – PEOPIL, Pan-European Organisation of Personal Injury Lawyers Mario De Crescenzio – Presidente MO BAST! Avv. Giuseppe Mazzucchiello – Presidente Associazione Valore Uomo Prof. Dott. Raffaele Zinno – Segretario SISMLA Sindacato italiano specialisti medicina legale e delle assicurazioni Avv. Francesco d’Agata – Portavoce Sportello dei Diritti Avv. Settimio Catalisano – Coordinatore Commissione Responsabilità Civile Organismo Unitario dell’Avvocatura Dott. Giampaolo Bizzarri – Consorzio Libertà del Danneggiato Ivano Vernazzano – Consorzio fra Carrozzieri della provincia di Genova Dott.ssa Anna Maria Gandolfi – Inretecar Dott. Enrico Pedoja – Segretario SMLT Società Medico Legale del Triveneto Dr. Claudio Cangialosi – Direttore SicurAUTO.it Avv. Matteo Mion – Quotidiano Libero

Esponenti politici

Dott. Cosimo Maria Ferri – Sottosegretario Ministero Giustizia Sen. Altero Matteoli (Forza Italia) – Presidente Commissione Lavori Pubblici e Comunicazioni Senato On. Daniele Capezzone (Forza Italia) – Presidente Commissione Finanza Camera On. Alessandro Bonafede (Movimento 5 Stelle) – Vice presidente Commissione Giustizia Camera On. Antonio Boccuzzi (Partito Democratico) – Commissione Lavoro Camera On. Andrea Colletti (Movimento 5 Stelle) – Commissione Giustizia Camera On. Marco Di Stefano (Partito Democratico) – Commissione Finanze Camera On. Leonardo Impegno (Partito Democratico) – Commissione Attività Produttive Camera On. Giovanna Palma (Partito Democratico) – Commissione Agricoltura Camera Sen. Sergio Puglia (Movimento 5 Stelle) – Commissione Lavoro Senato On. Mario Sberna (Per l’Italia) – Commissione Finanze Camera On. Paolo Russo (Forza Italia) – Commissione Agricoltura Camera

Moderatore: Tommaso Caravani (Car Carrozzeria)

Promotori della Carta di Bologna


Aderenti alla Carta di Bologna


VI PREGHIAMO DI REGISTRARE LA VOSTRA PRESENZA SU QUESTO FORM.

CONSIDERATO IL LUOGO E’ CONSIGLIABILE (NON OBBLIGATORIO) INDOSSARE GIACCA E CRAVATTA.

REGISTRAZIONE

 La registrazione è obbligatoria, non è prevista mail di conferma.

Quando i posti saranno esauriti non sarà possibile accedere al modulo di registrazione.

#TEMPARIO

L'Autocarrozzeria Marangon fa parte della  rete di Carrozzerie indipendenti

dell'Associazione

CHIAMA

Tel. 011 9573566 

E-MAIL
ORARI DI APERTURA

lun-ven 08:00/12:00 - 14:00/19:00

POTETE  TROVARCI ANCHE SU:
  • Facebook Social Icon

Autocarrozzeria Marangon sas di Marangon Marco e Marangon Moreno 

Via Acqui,77 - 10098 Rivoli (TO) - P.IVA 05168860012 - REA n.689446

  • Facebook Social Icon
  • YouTube Social  Icon