• Federcarrozzieri

Federcarrozzieri ricevuta al Ministero dello Sviluppo Economico

mise

Tratto da Carrozzeria.it

Una delegazione dell’associazione che riunisce le carrozzerie indipendenti è stata ricevuta ieri dai tecnici del MISE: l’attenzione rimane alta

È durato quasi due ore l’incontro di ieri (23 ottobre 2013) tra la delegazione di Federcarrozzieri, capitanata dal presidente Davide Galli, e i tecnici del Ministero dello Sviluppo Economico che si occupa della riforma del settore assicurativo, cioè i dirigenti Massimo Greco e Gianfrancesco Vecchio.

“E’ stato un confronto serrato, anche con momenti di tensione” dichiara chi era presente, “nel quale, da parte governativa, è stato presentato alla delegazione il contenuto di quella che dovrebbe essere la riforma del settore assicurativo (non si sa ancora se sarà presentata sotto forma di decreto legge, disegno o altro).” “Non abbiamo il testo”, dice Galli, “ma la bozza sostanzialmente ripropone quello che si è letto e scritto fino ad oggi, cioè norme che consentono alle compagnie, e non a danneggiati, di scegliere il risarcimento in forma specifica”.

Sono molti i rilievi di principio che Federcarrozzieri ha sollevato sulla riforma, chiedendo al Ministero di ribadire con forza che deve essere lasciata all’automobilista/consumatore la “libera scelta” del riparatore. “Una tale libertà deve essere esplicita ed inequivocabile, e solo a fronte di simili premesse l’associazione è disposta a confrontarsi sul resto della normativa. Nonostante le recenti dichiarazioni del sottosegretario Simona Vicari, la preoccupazione rimane alta, perché non ci è parso che dal Ministero l’impianto normativo sia sostanzialmente cambiato” conclude Davide Galli di Federcarrozzieri,” e in ogni caso, ci è stato assicurato che nei prossimi giorni riceveremo il testo delle norme che il governo vorrebbe introdurre. Per ora dunque lo stato di agitazione della categoria permane altissimo.”

Tratto da Carrozzeria.it

foto 4123

#FEDERCARROZZIERI #MINISTERODELLOSVILUPPOECONOMICO #MISE

0 visualizzazioni0 commenti